inediti_2020News_2020VideoClip_2020

[Singolo&Video] Da oggi online il video di “Bliss (Just be)” il primo singolo dei Dj e Producer PINDAR

Condividi

Bliss (Just be)” è il primo singolo con cui i PINDAR (ovvero i DJ e producer Mik e Jeff) inaugurano la loro avventura musicale caratterizzata da un sound elettronico carico di elementi tipici della musica krautrock ed altri di derivazione technopop, nei quali si fondono i contenuti classici della canzone italiana.

Le sonorità ritmiche e robotiche dallo stile volutamente freddo, vicino per certi aspetti all’estetica futurista, si riflette anche sull’immagine “depersonalizzata” del duo, e si sostanzia attraverso l’utilizzo di elementi inanimati (robot–manichini–immagini) che rievocano lo stile di gruppi come Kraftwerk e Daft Punk.

In “Bliss (Just be)” non viene raccontata la fine di una storia d’amore né l’intensità del sentimento; le parole corrono e si susseguono rapidamente descrivendo quella che sembra essere la fine ineluttabile a cui va incontro la protagonista, Sara, descritta come una donna dissoluta e lasciva. Non c’è spazio né per l’odio né per l’amore ma aleggia piuttosto un’imperturbabile e composta indifferenza nei confronti di tutto ciò che rappresenta Sara, un’imperturbabilità tradita solo dal titolo (“Bliss (Just be)”, ovvero “la felicità sia”), che sembrerebbe quasi ironizzare sul futuro incerto della protagonista.

Credits:

Etichetta: LMI Music

Artista: Pindar

Produzione: Alberto Dati/Eddy Olivieri

Recording: Wood Studio (drum/synth) – Studio personale di A.Dati (voce/synth)

Mix: Alberto Dati

Master: Tommy Bianchi – White Sound Mastering Studio

PINDAR è il nome del duo musicale costituito dai DJ e producer Mik e Jeff, DJ nato tra Roma e Taranto nel 2019. La musica di PINDAR è caratterizzata da un sound elettronico nel quale si fondono i contenuti classici della canzone italiana; la sintesi è una musica fortemente influenzata da elementi tipici della musica krautrock e techno pop.

Le sonorità ritmiche e robotiche dallo stile volutamente freddo, vicino per certi aspetti all’estetica futurista, si riflettono anche sull’immagine “depersonalizzata” della band, e si sostanzia attraverso l’utilizzo di elementi inanimati (robot–manichini–immagini) che rievocano lo stile di Kraftwerk e Daft Punk.

FACEBOOK

ads2
Tags
Show More
Back to top button
error: Content is protected !!
Close
Close