LiveNews_2019ReportPhoto_2019

COEZ con “E’ sempre bello in tour”: colora di emozioni la musica

Condividi

Coez con “E’ sempre bello in tour”: colora di emozioni la musica

a cura di Lucia Calia


Pala Florio – Bari 22 dicembre 2019 – Il concerto di Coez a Bari, ultima tappa del suo tour “E’ sempre bello” è un trionfare di emozioni, di colori e di gioia di vita. Il palazzetto è gremito di giovani, il palco è imponente con un enorme telone dorato scintillante come se fosse un regalo da scartare.

Ecco che il telone scivola giù, il pubblico acclama entusiasta Coez che appare sul palco: maglia bianca, jeans e occhiali da sole e intona la sua prima canzone “Mal di Gola“. Con lui la band storica disposta sul palcoscenico su due livelli e dietro di lui grandi schermi dove vengono proiettate le immagini di scena, video, giochi di luce e colori e sul led luminoso scorrono le parole e le frasi più belle delle sue canzoni.

Coez rapisce Bari con un gran concerto in cui alterna brani energici a ballate con chitarra e voce ed emoziona con i brani più affascinanti tratti dal suo ultimo album “E’ sempre bello” e con quelli più noti dei suoi dischi precedenti. La sua musica e i suoi testi conquistano anche chi non è appassionato di rap. Le sue note e la sua poetica semplice, sincera e spontanea parlano direttamente al cuore.

Coez trascina il pubblico in festa con la canzone “Domenica” facendo percepire quell’aria spensierata di giorno felice da godersi con il vento tra i capelli, il sorriso sulle labbra e il sole di fronte. Poi si accendono le luci dei cellulari e con la canzone “Ninna nanna” il Pala Florio diventa un cielo stellato con “polveri di stelle … quelle che ci fanno stare bene”.

Coez canta altre belle canzoni come ”Fuori di me”, la sua canzone preferita :“una delle cose più belle che abbia mai scritto”, poi ancora “Ciao”, ”La tua canzone”, “Lontano da me”, “Jet” eAli sporche”. Si salta, si balla, si canta durante tutto il concerto.

Toccante il momento voluto da Coez quando fa proiettare sullo schermo il video in cui racconta di una operazione di salvataggio di migranti realizzata da Open Arms, una organizzazione non governativa: “salvare una vita è fare del bene” è il suo commento.

Coez riprende a cantare e intona “Vorrei portarti via” e “Le luci della città” e fa impazzire il pubblico con “Occhiali scuri” e “Invece no”. Si aprono le braccia nella canzone “Aeroplani” e tutti si sentono come ragazzi che giocano a fare gli aeroplani.

Coez fa cantare a squarciagola sulle note del brano “La musica non c’è” e ognuno dedica alla persona amata l’emozione di ritrovarsi senza fiato nel vederla: “Volevo dirti tante cose ma non so da dove iniziare...” e si continua a cantare con lui in “E’ sempre bello”.

Coez presenta la sua band e ringrazia il pubblico e intona, tra gli applausi, la sua ultima canzone “La strada è mia” che chiude il suo concerto-festa.

La voglia di musica, di gioia traboccante dai cuori, di felicità di stare insieme e di raccontarsi è esplosa trionfante e ha colorato la serata di emozioni, di allegria, di leggerezza e di libertà senza mai perdere la consapevolezza delle difficoltà e i dei momenti “no” quando non si è al massimo ma …“è sempre BELLO”.

LUCIA CALIA


Photoset by ALESSANDRO LONOCE


Credits: si ringrazia GOIGEST e VIVO CONCERTI per la gentilissima disponibilità e la perfetta organizzazione dell’evento.

Tags
Show More
Back to top button
error: Content is protected !!
Close
Close