LiveNews_2019LivePuglia_2019

RADICANTO, FRANCESCO DE GREGORI, CAETANO VELOSO alla XV edizione del Festival Metropolitano BARI IN JAZZ Fino al 20 agosto uno degli eventi più attesi cui parteciperanno nomi come PAOLA TURCI, PAOLO FRESU, MICHEL GODARD, REDI HASA, AZIZA BRAHIM, DANIELE DI BONAVENTURA, DANIELE SEPE, LUCIA CARVALHO @ Acquaviva, Alberobello, Conversano, Fasano, Giovinazzo, Gravina, Monopoli, Polignano, Sammichele.

Condividi

Fino al 20 agosto uno degli eventi più attesi cui parteciperanno nomi come

PAOLA TURCI, PAOLO FRESU, MICHEL GODARD, REDI HASA, AZIZA BRAHIM, DANIELE DI BONAVENTURA, DANIELE SEPE, LUCIA CARVALHO nei comuni di Acquaviva, Alberobello, Conversano, Fasano, Giovinazzo, Gravina, Monopoli, Polignano, Sammichele.

Prosegue il fitto calendario della XV edizione del Festival Metropolitano BARI IN JAZZ, che ha preso il via lo scorso 29 giugno.

In programma il 16 luglio ad Acquaviva l’appuntamento con la formazione di RADICANTO in Le Indie di Quaggiù, un progetto speciale che nasce dalla voglia di esplorare attraverso la forma “canzone” in chiave d’autore e acustica la musica del mediterraneo. In caso di maltempo il concerto di Radicanto sarà spostato alla Sala Colafemmina, Palazzo de Mari.

Il 21 e il 22 luglio in programma due degli eventi più attesi della kermesse pugliese: la splendida Piazza Ciaia di Fasano, comune al centro delle masserie e degli uliveti secolari, farà brillare le due stelle più luminose di questo firmamento artistico, FRANCESCO DE GREGORI con la Gaga Symphony Orchestra + Gnu Quartet in uno spettacolo che ripercorrerà tutti i più grandi successi di oltre quarant’anni di attività del cantautore (21 luglio) e CAETANO VELOSO, autentico mito vivente che attraverso la rivoluzione del tropicalismo partita negli anni sessanta e passando per mezzo secolo di musica, è divenuto testimone di una stagione artistica forse irripetibile (22 luglio).

Dopo la trombettista spagnola Andrea Motis e la cantautrice pugliese Erica Mou, che hanno inaugurato la rassegna con un sold out a Cala Paura, il Festival ha dato spazio al pianista brasiliano Amaro Freitas e al concerto nato nell’ambito del progetto speciale italo-malgascio New Generation Connection che ha visto protagonisti tre giovani musicisti del Madagascar e il musicista italiano Kekko Fornarelli. Inoltre, Piazza Castello di Conversano è stata teatro dei ritmi travolgenti dei Benin International Musical, mentre l’Hyper Club di Alberobello è stato cornice dell’originale esibizione di percussione acquatica a mani nude di Akutuk duo, accompagnata dal sassofonista Gaetano Partipilo.

Organizzato dall’associazione culturaleAbusuan, il festival di quest’anno si svolgerà in nove tra i più caratteristici comuni pugliesi tra siti Unesco, uliveti secolari e testimonianze architettoniche di grande pregio, con molti nomi di spicco che attrarranno un pubblico eterogeneo per interessi, gusti musicali ed età. La rassegna, al suo quindicesimo anno, è sempre più parte integrante del tessuto sociale di un territorio splendido come quello pugliese, contribuendone all’immagine e alla valorizzazione.

Il Festival è realizzato con il sostegno di Unione Europea, MiBAC, Regione Puglia, Comuni di: Bari, Acquaviva, Alberobello, Conversano, Fasano, Giovinazzo, Gravina, Monopoli, Polignano, Sammichele.

Il programma prevede più di venti performance dal vivo per quasi due mesi di rassegna tra i comuni dell’area di Bari e di Brindisi con numerosi musicisti nazionali, internazionali e talenti locali che proporranno jazz ma anche melodie italiane, commistioni con elettronica, musica indiana, africana, brasiliana, nord europea.

Da sempre caratterizzato come un ambiente poliedrico, Bari In Jazz si compone non solo di concerti, ma anche di contaminazioni ed occasioni di incontro, come laboratori e workshop, per avvicinare il pubblico alla cultura internazionale. Tutto ciò valorizzando, al contempo, i comuni e i territori coinvolti, che da semplici location, si trasformano in veri e propri co-protagonisti di questo splendido viaggio culturale.

Nei molti anni di Festival, infatti, il connubio cultura e turismo ha sempre avuto una potenza straordinaria per la promozione del territorio. Il coinvolgimento dei singoli comuni, ognuno con l’opportunità di poter esprimere il proprio valore culturale e turistico, contribuisce infine a un risultato importante per tutta la comunità.

L’associazione Abusuan, con il Festival Metropolitano BARI IN JAZZ, fa parte del circuito ministeriale “Art Bonus – Misure urgenti per favorire il mecenatismo culturale”.

Attraverso questo importante canale chiunque può sostenere la cultura usufruendo di importanti benefici fiscali.

Infatti, ai sensi dell’Art.1 del D.L. 31/05/2014 n.83 “Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo”, convertito con modificazioni in Legge n. 106 del 29/07/2014 e s.m.i., è stato introdotto un credito di imposta per le erogazioni liberali in denaro a sostegno della cultura e dello spettacolo, il c.d. Art Bonus, quale sostegno del mecenatismo a favore del patrimonio culturale.

Concerti – ore 21,00

Programma – BARI IN JAZZ 2019

16 luglio – Acquaviva – Radicanto in “Le indie di quaggiù: viaggio sonoro per mare e altri approdi”

21 luglio – Fasano, Piazza Ciaia – Francesco De Gregori & Gaga Symphony Orchestra in “Greatest Hits Live”

22 luglio – Fasano, Piazza Ciaia – Caetano Veloso in “Ofertorio” con Moreno, Zeca, Tom Veloso

25 luglio – Conversano, Giardino dei limoni, San Benedetto – Zara McFarlane – esclusiva Sud Italia

26 luglio – Conversano, Giardino dei limoni, San Benedetto – Sarathy Korwar in “More Arriving”

27 luglio – Giovinazzo, Piazza Duomo – Lucia De Carvalho

30 luglio – Gravina, Piazza Duomo – Paolo Fresu & Daniele Di Bonaventura ft. Jaques Morelenbaum

07 agosto – Selva di Fasano, Minareto – Kekko Fornarelli, Gregory Hutchinson, Giorgio Distante in “Land-Scapes”

08 agosto – Selva di Fasano, Minareto – CousCousMusic – Viaggio tra suoni e profumi del mediterraneo

09 agosto – Selva di Fasano, Minareto – Vitor Araujo – esclusiva nazionale

10 agosto – Selva di Fasano, Minareto – Farlibe duo (Mirko Signorile & Giovanna Carone) ft. Daniele Sepe

13 agosto – Selva di Fasano, Minareto – Faraj Suleiman – esclusiva nazionale

14 agosto – Selva di Fasano, Minareto – Nicola Conte & Spiritual Galaxy ft. Kareyce Fotso in “New Africa”

16 agosto – Selva di Fasano, Minareto – progetto Yaraka Ensemble

17 agosto – Alberobello – Piazzale Biagio Miraglia – Paola Turci

18 agosto – Selva di Fasano, Minareto – Aziza Ibrahim – esclusiva nazionale

19 agosto – Selva di Fasano, Minareto – Redi Hasa & Michel Godard

20 agosto – Selva di Fasano, Minareto – The Dinner Party – progetto speciale

16 luglio

Acquaviva

Ore 21.00

In caso di maltempo il concerto di Radicanto sarà spostato alla Sala Colafemmina, Palazzo de Mari.

RADICANTO

Le indie di quaggiù: viaggio sonoro per mare e altri approdi.

Maria Giaquinto (canto, voce recitante)

Giuseppe De Trizio (chitarra classica, mandolino)

Giorgia Santoro (flauto traverso, bansouri, xiao, ney)

Adolfo La Volpe (chitarra elettrica, chitarra portoghese, oud)

Francesco De Palma (tar, bendir, riqq, zarb, cajon)

Ricerca, rielaborazione e dedizione verso le tradizioni popolari “vive” di tutto il mediterraneo: ciò che ha fatto deiRadicanto, nel corso dell’ultimo decennio, una delle più interessanti realtà musicali in Italia. Le Indie di Quaggiù è un progetto speciale che nasce dalla voglia di esplorare attraverso la forma “canzone” in chiave d’autore e acustica la musica del mediterraneo. Dall’Africa, al jazz, dalla tradizione dei Sud del mondo, agli echi dell’est. Il progetto propone un approccio tutt’altro che filologico alle forme della world music progressiva, basato più sulle suggestioni che essa suscita all’ascolto odierno, arricchito d’influenze e sonorità contemporanee, d’improvvisazione e fusion mediterranea. La sensibilità di musicisti provenienti da differenti tradizioni musicali, dà vita a un’interpretazione non convenzionale dei canti d’amore e maternità, di lotta e di libertà, di fede e ritualità. Il marchio di fabbrica dei Radicanto riluce nelle venature vocali di Maria Giaquinto, sorrette dai timbri percussivi di Francesco De Palma, dalle corde intrecciate di Giuseppe De Trizio e Adolfo La Volpe. L’ascolto della musica è ascolto interiore, ascolto dell’altro: luogo del dialogo e del confronto interculturale. Il risultato è una performance musicale d’impatto, votata al ritmo, alla melodia e alla memoria. I Radicanto, nel loro percorso artistico, vantano collaborazioni con alcuni tra i massimi esponenti della musica di tradizione, di quella antica, ma anche d’autore e jazz, sia in contesti cinematografici che in quelli live e discografici (Teresa De Sio, Raiz, Lucilla Galeazzi, Roberto Saviano, Rita Marcotulli, Mauro Pagani).   

21 luglio

Piazza Ciaia – Fasano

Ore 21.00

FRANCESCO DE GREGORI

GREATEST HITS LIVE

Gaga Symphony Orchestra, diretta da Simone Tonin

Gnu Quartet (Raffaele Rebaudengo alla viola, Francesca Rapetti al flauto, Roberto Izzo al violino e Stefano Cabrera al violoncello) 

Francesco De Gregori, accompagnato da una grande orchestra, presenterà per la prima volta in un contesto sinfonico, i suoi più grandi successi in piazza Ciaia a Fasano, unica data in Puglia. La Gaga Symphony Orchestra, diretta da Simone Tonin e composta da quaranta elementi, avrà come nucleo centrale il quartetto degli Gnu Quartet (Raffaele Rebaudengo alla viola, Francesca Rapetti al flauto, Roberto Izzo al violino e Stefano Cabrera al violoncello) oltre alla band che accompagna De Gregori ormai da lungo tempo.

22 luglio

Piazza Ciaia – Fasano

Ore 21.00

CAETANO VELOSO

OFERTORIO – Caetano, Moreno, Zeca, Tom Veloso

Bari in Jazz annuncia per il 22 luglio 2019 il concerto del grande CAETANO VELOSO. L’artista brasiliano ha scelto Fasano per chiudere il suo breve tour italiano nel quale presenterà il suo progetto “OFERTORIO” – Caetano, Moreno, Zeca, Tom Veloso”.

Il concerto, uno degli appuntamenti di punta del festival pugliese, vedrà Veloso riproporre il suo repertorio, in un concerto “intimo e familiare” che metterà in risalto, qualora ce ne fosse ancora bisogno dopo oltre 50 anni di musica e quasi altrettanti dischi, la sconfinata poetica di un artista che ha attraversato le epoche, gli stili, le rivoluzioni culturali, rimanendo negli anni un punto di riferimento imprescindibile della musica mondiale.

In questo nuovo show CaetanoVeloso&Family eseguiranno canzoni impossibili da dimenticare, come “Un angolo Afoxé per il blocco Ilê”, “Hinterland”, “O Leãozinho” e “Reconvexo”. “Ofertorio” sarà uno spettacolo completamente in acustico: Caetano suonerà la sua amata chitarra, mentre Moreno, Zeca e Tom si alterneranno con vari strumenti. Si tratterà di uno show che permetterà di ripercorrere il repertorio di Veloso.

“È uno show per famiglie, nato dal mio desiderio di trasmettere felicità. Avere dei figli è la cosa più importante nella mia vita adulta. Quello che ho imparato dalla nascita di Moreno – e confermato con gli arrivi di Zeca e Tom – non ha un nome e non ha un prezzo. Credo, veramente, che la nostra non sia una famiglia di musicisti qualunque: c’è un carattere genetico dedicato alla musica”, ha concluso Caetano Veloso.

pubblicità
Show More
Back to top button
error: Content is protected !!
Close
Close