LiveNews_2019

[Live Report&Photo] “Fino a qui Tour” dei TIROMANCINO: regalano al pubblico martinese un sorprendente ed emozionante concerto

Condividi

“Teatro Nuovo” Martina Franca, 14 febbraio 2019  – Partito da Firenze Lunedì 21 gennaio, il “Fino a qui – Tour” dei Tiromancino è giunto, per la settima tappa, giovedì 14 febbraio, al Teatro Nuovo di Martina Franca.

Accompagnati dall’Ensemble Symphony Orchestra, un’orchestra di 15 elementi diretta dal Maestro Giacomo Loprieno, Federico Zampaglione e i Tiromancino hanno regalato al pubblico martinese un sorprendente ed emozionante concerto, durante il quale hanno eseguito molti dei loro celebri brani e alcuni inediti inclusi nel loro quattordicesimo album “Fino a qui”- Sony Music Italy.
Un pubblico giovane e generoso quello martinese, giunto a teatro in notevole anticipo con l’intenzione di godere appieno dell’unica tappa pugliese del Tiromancino Tour; e la band non ha deluso le aspettative, creando subito quell’interplay carico di magiche alchimie che esalta la compartecipazione emotiva.

Federico Zampaglione si è raccontato con parole e musica alternando canzoni alla narrazione di momenti di vita privata, come quando ha espresso la propria devozione per la figura materna, dopo il brano “Quasi 40”, o ha dedicato alla figlia Linda “Immagini che lasciano il segno”, o si è concesso un momento “blues”, genere amato e seguito negli anni giovanili… “quando gli altri seguivano la disco music” ci tiene a precisare; e non ha fatto mancare un cortese omaggio alle mujeres martinesi cui ha dedicato  le calde note dell’ultimo successo dal ritmo latino “Sale, amore e vento”!

Tra ironia e amarezza Federico ha raccontato anche delle due partecipazioni al Festival di Sanremo: Sanremo Giovani 2000 dove in coppia con Riccardo Sinigallia i Tiromancino si qualificarono al secondo posto col brano “Strade”, mentre nel 2008, con comune grande delusione, il brano in concorso “Il rubacuori” si classificò al 17° posto! Ma la malinconia è prontamente superata con “Amore impossibile” che nei successivi dieci minuti trasforma il teatro in uno stadio: Federico invita il pubblico a cantare in coro, ad accompagnare l’esibizione con ritmati battiti di mano, ad interagire con lui.

Si diverte e fa divertire Federico, accennando passi di danza,  riprendendo col suo cellulare i musicisti mentre il gruppo fiati suona ondeggiando gli strumenti tipo R’n’B.  Improvvisa anche una versione rap del brano e si scatta un selfie dal palco riprendendo il pubblico in visibilio alle sue spalle. Dopo questa scarica di adrenalina ritorna alla melodia con la fantastica “Nessuna certezza”; poi ancora quattro brani e il concerto si avvia al termine con un gran finale.

Tocca al celebre “Due destini” chiudere in bellezza una serata che  si preannunciava spettacolare essendo sold out già da due mesi! Il pubblico in piedi, più per il piacere di una maggiore compartecipazione che per una formale standing ovation, accompagna in coro le note del popolare brano, agita in aria i cellulari accesi e saluta Federico muovendo le braccia in un simbolico abbraccio dal sapore di un arrivederci a presto. Federico, commosso, promette di ritornare in estate perché ama la Puglia più che mai ora che ha anche una compagna di vita pugliese, l’attrice Giglia Marra nativa di Mottola, protagonista del video “Noi casomai” presentato nelle Giornate degli Autori del 75° Festival di Venezia.

Dalla platea un ultimo caloroso grande applauso,nella certezza di rivederlo presto, sia pure in altri ruoli. Infatti Federico Zampaglione, già compositore, cantante, musicista, regista, sceneggiatore, è recentemente diventato anche scrittore: nel 2017 ha pubblicato per Mondadori il suo primo romanzo Dove tutto è a metà, scritto insieme a Giacomo Gensini. E chissà quante e quali sorprese saprà ancora riservare Federico al suo affezionatissimo pubblico !

Sul palco: Federico Zampaglione (voce e chitarra), Antonio Marcucci (chitarra elettrica), Francesco “Ciccio” Stoia (basso), Marco Pisanelli (batteria e percussioni) e Fabio Verdini (pianoforte e tastiere) e la Ensemble Symphony Orchestra.

 

TRACKLIST  DELL’ALBUM “FINO A QUI”

  1. 01. Sale, amore e vento- (03:50)
    Noi casomai – (03:53)
    03. La descrizione di un attimo (feat. Jovanotti) – (04:25)
    04. Due Destini (feat. Alessandra Amoroso) – (04:07)
    05. Per me è importante (feat. Tiziano Ferro) – (04:23)
    06. Un tempo piccolo (feat. Biagio Antonacci) – (05:25)
    07. Liberi (feat. Giuliano Sangiorgi) – (03:36)
    08. Amore impossibile (feat. Elisa & Mannarino) – (04:24)
    09. Se mi verrai a cercare (feat. Alborosie) – (03:21)
    10. Muovo le ali 2018 (feat. Fabri Fibra) – (04:28)
    11. I giorni migliori (feat. Thegiornalisti) – (04:14)
    12. Strade (feat. Calcutta) – (03:29)
    13. Imparare dal vento (feat. Luca Carboni) – (04:48)
    14. Settembre scordati di noi – (03:40)
    15. Immagini che lasciano il segno (feat. Lilly Z) – (04:34)
    16. Piccoli miracoli – Acoustic Version – (04:41)

 

“Fino a qui” oltre ai brani più noti dei Tiromancino, contiene quattro inediti: “Noi casomai”  “Sale, amore e vento”, “Se mi verrai a cercare” e “Settembre scordati di noi”. Chiude la tracklist una versione acustica di “Piccoli miracoli”.

Con quest’ultimo progetto discografico, la nota band romana ha inaugurato i festeggiamenti per i trent’anni di carriera, celebrati assieme agli amici che hanno accolto l’invito di Federico a duettare con lui nella selezione dei 16 brani che compongono l’album, scelti dai Tiromancino per rappresentare la loro  storia. Uscito il 28 settembre 2018, nel giorno del nono compleanno della figlia di Federico, Linda (nata dalla relazione con Claudia Gerini) che ha anche cantato nel brano “Immagini che lasciano il segno”, l’album “Fino a qui” è nato da una chat telefonica tra colleghi, invitati da Federico a scegliere tra i brani dei Tiromancino, quello che più sarebbe piaciuto loro interpretare.

“La Nazionale della Musica Italiana” è stato da Federico ribattezzato il gruppo dei grandi ospiti con cui i Tiromancino hanno rivisitato le loro canzoni: Alborosie, Alessandra Amoroso, Biagio Antonacci, Calcutta, Luca Carboni, Elisa, Tiziano Ferro, Fabri Fibra, Jovanotti, Mannarino, Giuliano Sangiorgi, Thegiornalisti.  Nomi che rappresentano il meglio del panorama musicale italiano, con esperienze ed età anagrafiche differenti ma accomunati da un profondo sentire; legati tra loro dal fil rouge della passione, dalla intensità emotiva che ha caratterizzato le rispettive interpretazioni dei brani connotandosi come valore aggiunto.  Grande assente Riccardo Sinigallia che pure ha rivestito un ruolo determinante nel far acquisire al gruppo una fama di risonanza nazionale componendo e producendo apprezzatissimi brani come “La descrizione di un attimo”, ma anche “Due destini” che accompagna i titoli di coda del film “Le fate ignoranti” di Ferzan Özpetek, oppure “Strade“, con cui ha partecipato in duetto al Festival di Sanremo 2000 conquistando il secondo posto nella sezione Giovani.

«Questo per me non è un disco; è un insieme di pensieri, emozioni, amori, ricordi, canzoni, amici e tanto altro. Le tracce contenute sono come pagine di un lungo diario che racconta …Fino a qui! Forse il prossimo album si chiamerà “Da qui in poi”>> ha simpaticamente raccontato Federico durante un’intervista radiofonica , suscitando nei numerosissimi fans il desiderio di sapere verso quali strade lo condurrà il suo percorso di crescita musicale, dopo trent’anni sempre in divenire!

 

DANIELA GERUNDO

 

Photoset by: Daniela Gerundo

[masterslider id=”294″]

 

Credits

Si ringrazia Teatro Pubblico Pugliese per la cortese disponibilità al servizio e la perfetta organizzazione dell’evento.

 

 

Show More
Back to top button
error: Content is protected !!