LivePuglia 2020News 2020

[Live Music] COLAPESCE & DIMARTINO presentano “I Mortali” al “Locus Festival 2020 l.e.” in esclusiva per la Puglia

Condividi

Unica data pugliese per Colapesce e Dimartino, il duo di cantautori siciliani fra i più rinomati autori della canzone italiana contemporanea, che hanno presentato al Locus 2020 il loro primo album “I Mortali”.

La serata del 13 agosto  ha visto il dj set ZAIO in consolle ad accogliere il numeroso pubblico da sold out tipico di tutti gli appuntamenti del Locus Festival . Puntuali in apertura alle 21,30  La Municipàl.  Sul palco Carmine Tundo e Roberto Mangialardo hanno creato un’atmosfera ricca di tensione emotiva. Prima di salire sul palco, Carmine ci ha concesso una intervista in esclusiva.

La naturale empatia tra i due musicisti ha mosso le corde delle chitarre generando note forti e delicate in una narrazione euritmica ed emozionale dei loro brani.

Romantica ed intensa introduzione per “I MortaliColapesce e Dimartino che, più irragiungibili degli dei, non si sono concessi a giornalisti, fotografi e fans. I sostenitori più ostinati si son dovuti accontentare, a fine concerto, degli autografi ottenuti tramite il personale del servizio d’ordine.

I brani che compongono la scaletta del concerto sono stati presentati in una nuova versione,  diversa da quella del disco che ha incontrato i favori delle critica e del pubblico, anche grazie al supporto dell’amica Carmen Consoli  che si è unita al duo in “Luna Araba”, brano trainante della compilation. Originale, senza fronzoli, puro, senza nessuna influenza precisa è stato il giudizio espresso da parte della critica.

Ri-arrangiati per l’occasione anche alcuni classici del repertorio solista di Colapesce e Dimartino . I due artisti hanno scritto per tantissimi nomi del panorama musicale italiano (Marracash, Levante, Luca Carboni, Malika Ayane, Emma), ma uno dei dieci pezzi contenuti nel loro disco è stato escluso da Amadeus nell’ultimo Festival di Sanremo.

A proposito delle influenze nella stesura dei brani, i due si sono cosi espressi: «A livello musicale non ci siamo dati riferimenti precisi. Volevamo fare un bel disco pieno di canzoni, ogni canzone doveva avere un peso, doveva racchiudere il senso che deve avere una canzone. Ci siamo detti spesso che una canzone, in qualche modo, deve mettere dei dubbi all’ascoltatore, stimolarlo a porsi delle domande. Non deve dare risposte. Questo è ciò che entrambi ricerchiamo. A me piacciono i cantautori che mettono a disagio: quelli che, ogni volta che li ascolto o sento il passaggio di una frase, generano una sensazione forte. In qualche modo mi affeziono a quel disequilibrio che creano, all’imperfezione. Nel disco volevamo 10 canzoni pop con delle imperfezioni, con delle caratteristiche che non le lasciassero solo scorrere in maniera tranquilla. Dovevano fare nascere delle domande nell’ascoltatore».

Dalle sonorità contemporanee di Adolescenza nera all’irriverente Cicale, il concerto è stato un continuo scambio di battute, musicali e affettuosamente canzonatorie tra i due. Il dialogo è continuato nel brano Il prossimo semestre fino ad interagire col pubblico più giovane, che ha accompagnato l’esibizione del duo con un intonato e sommesso coro. L’atmosfera si è poi fatta più energica con Luna Araba prima di dare spazio ai brani dei rispettivi progetti solisti, dai Giorni buoni di Dimartino  fino al Satellite di Colapesce.

Una serata vissuta  tra l’entusiasmo di partecipare e il desiderio di ascoltare..

TRACKLIST:

Il prossimo semestre / Rosa e Olindo / Luna Araba / Cicale / Parole d’acqua / Raramente / L’ultimo giorno / Noia mortale / Adolescenza nera / Majorana

DANIELA GERUNDO


Photoset by: Alessandro Lonoce


Credits: si ringrazia BASS Culture per la gentilissima disponibilità e la perfetta organizzazione dell’evento.

Show More
Back to top button
error: Content is protected !!