Inediti 2023LivePuglia 2023

Il MAESTRALE: “Medea” apre una raccolta che affonda le radici nella tragedia classica.

Condividi

Il collettivo mediterraneo di origini pugliesi Il Maestrale torna il 20 settembre su tutte le piattaforme digitali – distribuito da Artist First – e in radio con Medea. Il brano rappresenta la prima parte di φωνές (fonés dal greco, in italiano “voci”), una raccolta dedicata a voci lontane che affondano le origini nel mito e nella tragedia classica ma capaci di sussurrare anche agli uomini di oggi.

La raccolta prevede, al momento, la pubblicazione di due singoli in due rispettivi parti: Medea e Euridice, quest’ultima in uscita nelle prossime settimane.

Ancora una volta il Mediterraneo è al centro del collettivo pugliese: una cultura che sopravvive fortemente nel sangue e nella terra di provenienza, un filo rosso che perdura da quasi tre millenni, riproposta da Il Maestrale in una sorta di confronto bifronte e alterno con uno sguardo al passato e uno sguardo al futuro.

Medea è La prima “impetuosa” parte di φωνές: scritta da Alessandra Valenzano e Nicholas Palmieri, la furente e drammatica tragedia rinasce nei colpi della batteria di Paolo Colaianni che introducono la macabra danza del dolore della regina della Colchide.

Gli intrecci vocali delle sorelle Valenzano, Simona e Alessandra appaiano come echi lontani che inducono l’ascoltatore ad immergersi in questa storia mediterranea che trova la sua morale nel ritornello: “Il problema dell’uomo lo insegue, è già nel suo sperma”.

“L’odio, l’invidia, la gelosia sono sentimenti umani che sembrano non poter tramontare mai, si svincolano dall’epoca di appartenenza e se la natura comanda, l’uomo, imperfetto di natura, può solo fondersi con essa e tentare di sopravvivere a tempeste, piogge e tormente.”– Il Maestrale.

L’intento del collettivo è, peraltro, avvicinare l’ascoltatore dei tempi moderni alle tematiche dell’antichità, quanto più vicine di quel che si possa pensare: una prova, nel testo, è l’inserimento diretto dalla tragedia di Euripide che irrompe nella parte finale del pezzo, cantata incessantemente dal coro: “sono stato spesso il perdente, anche adesso so di sbagliare”.

Medea una donna come tutte noi, preda degli sbagli, dei tumulti della gelosia e dei sentimenti impetuosi che ci portano a divenire i cattivi della storia.

Testo: Nicholas Palmieri
Musica: Alessandra Valenzano
Produzione e mix a cura di Alessandro Grasso.
Mastering a cura di Giovanni Versari.
Cover e artwork di Dalila Amendola.
Hanno suonato:
Alessandra Valenzano: voce
Simona Valenzano: voce, cori, basso elettrico
Nicholas Palmieri: chitarra acustica, chitarra classica
batteria Paolo Colaianni
Arrangiamento archi e fiati a cura di Alessio Roma, prodotti presso il Spring Reverb Studio. 
Registrato presso 4wall Studio di Alessandro Grasso, Death Star Studio di Marco Fischetti.

IL MAESTRALE è un collettivo di musicisti che fonde con stile e originalità la musica pop rock ed elettropop con l’etnicità delle sonorità mediterranee.

Il loro sound è unico e coinvolgente: il MEI Meeting ha definito il loro genere musicale “mediterraneo post-moderno”.

I membri de IL MAESTRALE hanno condiviso il palco con importanti artisti del panorama musicale italiano come Subsonica, Fast Animals and Slow Kids, Myss Keta, Eugenio in Via di Gioia, Carl Brave e molti altri.

Il 1 giugno 2023 hanno suonato in apertura ai Coma Cose in occasione della ventisettesima edizione del festival nazionale Meeting del Mare.

IL MAESTRALE ha toccato col proprio tour molteplici città, tra cui: Teatro India – Roma // Magazzino Sul Po – Torino // Bravo – Bologna //Officine Cantelmo – Lecce // Tejo – Lisbona // Teatro Comunale Di Cavriglia – Arezzo // Reffen – Copenaghen

Vi è un filo rosso che si lega alla tradizione della Puglia, ma che non rinuncia a sperimentare sonorità dal mondo.

IL MAESTRALE ripercorre radici antiche e immerse nella tradizione: questi uomini e queste donne, nati dalle sponde del mar mediterraneo, si mescolano al mondo portando alta la bandiera della loro terra natìa.

Molteplici i luoghi nel barese che hanno ospitato i ragazzi de IL MAESTRALE. Tra i più speciali, lo Stadio San Nicola di Bari, in apertura al match della squadra della loro amata città, la SSC Bari. 

Le loro canzoni hanno ricevuto altresì pubblicazioni da parte di RockIt, il quotidiano italiano, la Gazzetta del Mezzogiorno, Euromusica.

Infine, il loro secondo singolo, Xanadu, è stato scelto da RAI Radio 2 Indie per la playlist mensile.

IL MAESTRALE è stato il gruppo rappresentante della regione Puglia per le finali nazionali dell’Arezzo Wave, il celebre concorso che ha portato alla ribalta band come i Negramaro, The Zen Circus, i FASK e la rappresentante di Lista.

IL MAESTRALE è un collettivo, nonché una società di mutuo soccorso, volta al raggiungimento di obiettivi comuni. È composto da:

PAOLO COLAIANNI – batteria
SIMONA VALENZANO – basso e voci
ALESSANDRA VALENZANO – voce e tastiere
NICHOLAS PALMIERI – chitarra e synth 

Ma vede la partecipazione di altri componenti tra cui:

DAVIDE CAMPANALE – chitarra
MARIA GESUALDO – autrice
ALICE PALUMBO – fotografa e videomaker 


IL MAESTRALE
Instagram | Facebook | YouTube | Spotify

Mostra di più
Pulsante per tornare all'inizio
error: Content is protected !!