LiveNews_2019ReportPhoto_2019

[Report] Atmosfere magiche con NADA al Farm Festival 2019 di Castellana Grotte (Ba)

Condividi

Noci, 13 agosto 2019 – Bella e caratteristica location per uno degli eventi più attesi dell’estate pugliese il Farm Festival giunto alla sua VIII edizione. Il Festival della nuova musica e delle arti visive ospitato da Masseria Papaperta caratterizzata da un prato che invita a sdraiarsi, muretti a secco e trulli impreziositi da installazioni artistiche e multimediali, si mostra palcoscenico ideale per performance di danza contemporanea, e musicali.

Foto ©:Ela Francone-Valentina Ladogana

Nella serata di martedì 13 si sono esibiti in attesa di Nada salita sul palco alle 23, Venerus sul main stage, mentre sul dream stage a partire dalle 21 Julielle e Calabi, e il trombettista Michele Jamil Marzella accompagnato dalla performance della compagnia di Danza Aerea Contemporanea “Eleina D” di Castellana. L’atmosfera giusta per dare spazio alla tanto attesa Nada, un pubblico trasversale ha accolto calorosamente la cantautrice di Livorno che ha ricambiato l’affetto con un concerto emozionale ed emozionante, un percorso in musica nell’essenza dei rapporti umani, nelle connessioni tra uomo e universo.

Si apre infatti con l’invito di Nada a seguire gli impulsi emotivi, che attraversano il nostro corpo e disegnano una mappa interiore che ci guida nel nostro continuo cercare. “perché cercare è l’unica ragione” aggiunge la cantautrice, che interpreta le sue canzoni anche e soprattutto attraverso il corpo, gesti e movimenti che aggiungono sensualità, rabbia e graffio ai testi.

Così, sistemato rapidamente dagli efficienti tecnici un piccolo problema tecnico, la cantautrice toscana offre un concerto intenso e denso di vibrazioni musicali rese ancora più memorabili in alcuni brani dai bravissimi ballerini della Compagnia Eleina D che volteggiano in aria e lasciano i presenti per lunghi momenti stupiti col naso all’insù. Ad accompagnare Nada sul palco i musicisti: Franco Pratesi al basso, synth e violino, Francesco Chimenti alla chitarra e alle tastiere, Luca Celli alla batteria e Enzo Moretto alla chitarra.

Tra i momenti più intensi sicuramente quello che ha introdotto il brano È un momento difficile, tesoro: “la tristezza è anche una cosa meravigliosa perchè nella tristezza c’è anche la sensibilità, il pensiero. Fa bene all’anima e io penso che la tristezza sia una condizione dell’anima, e a volte anche necessaria”.

Foto ©: Ela Francone-Valentina Ladogana

Altrettanto emozionante il breve racconto del suo rapporto con la madre, “che forse non ho capito fino in fondo, ma ci sto lavorando da anni e anni”. Questa figura così importante, così forte, così amata e così combattuta, un conflitto disastroso a volte, perché quando si ama davvero credo che l’amore, rasenti anche la rabbia, l’odio. “Per me questa figura è stata e lo è tutt’ora fondamentale nella mia vita, ci ho combattuto, ma l’ho sempre cercata. Quando, poi sono arrivata a vedere questa donna quasi indifesa, l’ho capita, l’ho perdonata ed è stato raggiungere qualcosa di grande, e ho immaginato di rientrare nel suo ventre, perché lì nel buio più profondo, cercare la vera essenza per rinascere e dare di nuovo alla luce se stessi”. Così è venuta fuori O madre.

Quasi in chiusura: “qualunque sia stato stasera il nostro viaggio qui insieme, qualunque sia la mappa. Il punto di arrivo è riconoscere sempre gli occhi di chi ami”, è il momento di Dove sono i tuoi occhi. Prima del bis con All’aria aperta cantata a cappella, così come l’ha immaginata quando la scrisse, e l’attesissima Amore disperato, cantata e ballata da tutti.

SCALETTA:

Un angelo caduto dal cielo, Amo te, Stasera non piove, Guardami negli occhi, Luna in piena, Senza un perché, Lavori in corso, È un momento difficile, tesoro, Piantagioni di ossa, Macchine viaggianti, O madre, Dove sono i tuoi occhi. BIS: All’aria aperta (a cappella), Amore disperato.

Subito dopo il live si riaccendono i riflettori su dream stage dove i TECHNOIR hanno catturato i presenti con sonorità soul psichedeliche e nu jazz. Il djset di MARS ha piacevolmente accompagnato i presenti verso la chiusura di questa entusiasmante edizione del FARM.

MARIANGELA CUSCITO

Credits

Si ringrazia l’ufficio stampa del FARM Festival per la gentile disponibilità al servizio e la perfetta organizzazione dell’evento.

Foto in copertina di: Ela Francone-Valentina Ladogana

pubblicità
Tags
Show More
Back to top button
error: Content is protected !!
Close