inediti_2020News_2020

[Nuovo Album] La band pugliese de L’ESTINTORE pubblica il primo album autoprodotto “Fuoco”

Condividi

La band pugliese de L’estintore ha pubblicato l’8 maggio il primo album su tutte le piattaforme digitali, rigorosamente prodotto in quarantena.

Fuoco” è il primo album de L’estintore, nato dopo anni di attività live sui palchi di pub, locali, rassegne, contest, festival, circoli e associazioni. Fuoco è un album di contrasti ed equilibri. Tra le sonorità, le parole, le immagini. È un fuoco che arde, ma dentro, sommerso, sott’acqua. È restare in equilibrio, a galla.

Descrizione brani

EMMA: è una voce lontana, sommersa, prigioniera. Talvolta in balia delle onde del suo mare personale, talvolta stanca e affaticata, sdraiata sulla terraferma. Una voce che ci sembra arrivare spesso da così lontano nonostante sia così vicina. 
INVERNO: racconta di un mostro che è l’ansia. L’angoscia. Ti tormenta. Più lo guardi negli occhi e più si nutre. Prende spazio, ti toglie il sonno, porta il gelo sotto le coperte. Ti taglia, ti mastica. Si stringe alla gola come un amante indesiderato. Non è il solito mostro che siamo abituati a percepire sotto il letto, questo è quello che il letto lo condivide con te. Il brano termina con un colpo di spugna sul cuore, che cancella per un po’ le tracce del mostro. Una mano che culla per tornare a dormire. Almeno stanotte. 
SULLA SEDIA: “volevo solo stare bene” è il grido di un bambino ingenuo, istintivamente egoista, che vuole tutto per sé. Un bambino con un rapporto conflittuale con gli adulti che a volte evita e a volte imita, che scopre da loro che “volere” può essere sbagliato. 
DISPERANZA: Questo è un brano che celebra la sconfitta e l’arresa; sentimenti visti troppo spesso come da respingere, e che invece sarebbe il caso, in certi giorni, di accettare, abbracciare e sventolare come una bandiera. Bianca possibilmente.
UNA ROCCIA: è principalmente un’immagine: una scogliera su cui il mare si infrange, e per quanto violento possa scagliarsi, non può pensare di scalfire l’equilibrio imperturbabile della roccia. Sappiamo bene che non è vero, che con la pazienza e la tenacia il mare sarà in grado di levigare lo scoglio più aspro. Ma questo forse il mare ancora non lo sa. 
SANTA LUCIA: Santa Lucia è per tradizione invocata come protettrice della vista. “Santa Lucia!” è un’esclamazione popolare, quando si trova qualcosa che sembrava persa, realizzando invece essere stata sempre sotto i propri occhi. Questa ballad ha in sé queste due chiavi di lettura, una sorta di preghiera pagana, di invocazione popolare. “Come ho fatto a non vedere”.
VENERE: un pezzo che si muove tra sensualità e fantasiosa astronomia. Più semplice di così!
TUTTO IL RESTO: scoprirsi nel profondo uscendo dalla propria zona di sicurezza, correre lontano per tornare a casa e riconoscersi allo specchio; questo brano è la rappresentazione del viaggio, letterale e metaforico.

LA CITTÀ DI MIA: è la città in cui proteggere i sogni, le ambizioni più sciocche, i desideri di felicità da un mondo fatto di ansie, doveri e frustrazioni. Una città un tempo fortificata, ormai circondata, assediata, sotto attacco, sul punto di crollare sotto i colpi sferrati. “Dimmi che non resterà più niente di noi, Mia” voglio sentirlo direttamente dalle tue labbra.

FUOCO: resta ancora qualcosa di tutto questo impegnarsi, affaticarsi, sperare, deludere, immaginare? Un’idea partorita di notte, riposta di giorno. C’è ancora quel fuoco? C’è ancora quel fuoco.


BIO

L’Estintore nasce agli inizi del 2015 a Bari e propone un rock in italiano senza etichette, vivo, energico, con contaminazioni dal cantautorato italiano, dal grunge americano, dallo stoner e dall’indie britannico. La band alterna la composizione e l’arrangiamento di nuovi brani all’attività live in locali, pub e contest del panorama pugliese.

L’Estintore si è esibito sul palco dell’Ateneo e su quello del Politecnico di Bari, ha partecipato al Controfestival 2016 (evento trasmesso su Controradio) e il brano “La Città Di Mia” viene trasmesso successivanente sulla radio locale Radio Selene. Sono tra i finalisti del Premio Maggio 2017 e del fix It Live contest dello stesso anno. Vengono poi selezionati per il Giovinazzo Rock Festival 2017 dividendo il palco con artisti di spicco del panorama nazionale come Makai e Almamegretta.

Si sono esibiti per l’evento benefico Race for the Cure – Bari 2019, e nello stesso anno hanno autoprodotto il singolo “Emma” e condiviso il palco dell’ “Alberockbello festival” con la rocker e speaker radiofonica Alteria. Nel maggio del 2020 pubblicano il loro primo album “Fuoco“.


FACEBOOKINSTAGRAMSITOWEB

Tags
Show More
Back to top button
error: Content is protected !!
Close
Close