Inediti_2019LiveNews_2019

[New Album] La band dei CARENA presenta “Nefertiti” il disco d’esordio: un’opera introspettiva che racconta le storie d’amore.

Condividi

Dischi Uappissimi presenta Nefertiti, album d’esordio dei Carena: un’opera introspettiva che racconta le storie d’amore, le notti umide e la lenta vita nella provincia pugliese. L’amicizia e la complicità pervadono le atmosfere sognanti e sono il collante tra le canzoni di questo album. L’album prende vita dall’estate del 2018 quando la band pugliese entra nello studio Giungla Factory.

Ascolta QUI l’album

CREDITS
Testi e musica: Giovanni Palmer, eccetto Detersivo e Diario di Bordo (Federico Caramia)
Produzione: Giovanni Palmer, Fabrizio Facø Convertini, Claudio Pulito
Registrato presso “Giungla Factory” (Martina Franca, TA)
Mix di Fabrizio Facø Convertini
Master di Giovanni Versari – “La Maestà Mastering Studio” (Tredozio, FC)

TRACKLIST:
1) DETERSIVO
2) CENA A CASA DI ARIANNA
3) SABAUDIA
4) NEFERTITI
5) SAN LORENZO
6) VERBATEEN
7) FBI
8) ORSA MAJ7
9) DIARIO DI BORDO

ESCRIZIONE TRACK BY TRACK
DETERSIVO
È il primo singolo dei Carena, pubblicato nel febbraio del 2019. È quello che molti definirebbero una ballad pop, ma la sua dolce melodia nasconde il tema pesante dell’abbandono.

CENA A CASA DI ARIANNA
Parla di una serata a tavola con amici e parenti, in cui ognuno si vanta dei suoi successi. Decidi dopo poco di tirarti fuori da questa strana competizione. Ti consoli dunque con del buon vino e ti rifugi nella tua bolla ovattata che ti separa dalla realtà.

SABAUDIA
L’idea per Sabaudia nasce durante un viaggio nel Lazio, appartati sul Monte Circeo, e non è altro che un invito ad amarsi in auto. Una canzone adatta a chi non ha ancora voglia di crescere.

NEFERTITI
È il brano che dà il nome all’album, scritto con in mente una ragazza dai lineamenti esotici e dal portamento regale. L’ispirazione nasce tra i papiri e le reliquie del museo egizio di Torino.

SAN LORENZO
Secondo singolo della band pugliese, esce a luglio 2019. Il sound fresco e il ritornello incalzante la rendono una perfetta hit estiva, anche se dal testo traspare soltanto la voglia di evadere dalla routine dei falò in spiaggia e delle notti in discoteca.

VERBATEEN
È una canzone in cui si ricordano con nostalgia gli amori ai tempi del liceo. Anche se il trascorrere del tempo ha risparmiato solo pochi momenti nella nostra memoria, ripensarci ha sempre un sapore magico.

FBI
È il terzo singolo e precede l’uscita dell’album. Atmosfere surreali e suoni ricercati rendono questo brano una struggente dichiarazione d’amore paranormale.

ORSA MAJ7
È la canzone più intima del disco. Descrive quotidiani momenti di dolcezza, intervallati dalla rassegnazione e dalla stanchezza, dovuta al logorio del lavoro. Per fortuna la voglia di amarsi è tanta e condividere il momento del sonno è il modo migliore per restare vicini ed uniti, anche nelle difficoltà.

DIARIO DI BORDO
È il sequel concettuale di FBI; in versione pianoforte e voce sul disco, vede la partecipazione di Paolo Palazzo ai tasti bianchi e neri. Un brano delicato nelle melodie e nel cantato, che tuttavia descrive una condizione di forte abbattimento fisico e psicologico.

Un avvocato e due marinai, innamorati della Valle d’Itria e di ciò che li circonda. I Carena sono una band alternative pop pugliese, formata da Giovanni Maggi (voce e tastiera), Giovanni Palmer (chitarra), Claudio Pulito (batteria), accompagnati da Fabrizio Facø Convertini (basso).

Il gruppo si forma nell’estate del 2017, il loro sound è già chiaro dall’inizio: pop ma con suoni sognanti e tempi dispari.

Nel 2018 entrano in studio (Giungla Factory) e registrano il loro primo album. Suonano in giro per la Puglia e si esibiscono inoltre in apertura a Mox, Mèsa, Fadi, Canarie, Skiantos. A febbraio 2019 esce il loro primo singolo “Detersivo“, seguito da “San Lorenzo”, a luglio dello stesso anno.

Il 24 settembre è in uscita “FBI”, terzo ed ultimo singolo prima della pubblicazione dell’album, canzone struggente con atmosfere e sonorità a tratti extraterrestri.

L’album dei Carena, in uscita in autunno, risente delle influenze alternative rock e britpop tipiche degli anni ’90. La vita in provincia tra le colline e le lente passeggiate nei boschi ispirano le canzoni dei quattro amici di Martina Franca.

CARENA
Facebook
Instragram
Youtube
Spotify
 


DISCHI UAPPISSIMI

Facebook

pubblicità
Tags
Show More
Back to top button
error: Content is protected !!
Close
Close