Interviste 2021News 2021

[Intervista] I CAMELIA ci raccontano l’ultimo brano “Guardami”.

Condividi

GUARDAMI”, nuovo brano dei CAMELIA e DONATELLA MILANI, è il prodotto musicale dato da una serie di riflessioni ad alta voce sulle metamorfosi a cui tutto e tutti siamo assoggettati.


Abbiamo fatto due chiacchiere con loro, ecco cosa ci hanno raccontato !

  • Il nome della band, riferita ad un fiore. Segno d’amore verso la natura che volete simulare nella musica?

La camelia, simbolo di stima, di ammirazione e di bellezza perfetta non esibita, racchiude tutto cio che è fratellanza, amicizia e famigliarità tutti avvolti da un amore incondizionato verso noi stessi e verso gli altri, umani che siano. La natura è insita in noi come la nostra fame d’amore.

  • Nati nel 2015, con la passione di sperimentare la vostra musica. Siamo nel 2021 quanta voglia c’è ancora in voi?

Veniamo tutti da vite diverse, il destino ci ha messi uno di fronte l’altro, e ognuno di noi ha sentito un’energia diversa dentro di se, totalmente diversa ed estranea a tutto il resto che ci circondava.

Non abbiamo esitato, abbiamo attuato e studiato tutto il contrario di quello fatto nella nostra precedente vita musicale, esprimendo al meglio la nostra libertà di sentimento.

  • Il video ” GUARDAMI ” con Donatella Milani, girato a Roma. Che storia c’è dietro questo singolo?

GUARDAMI ” è avvolto da un alone di malinconia, e li dove una volta il genere umano usava toccarsi, abbracciare, gesticolare, urlare e parlare con grande libertà, ora la sola forza sono gli occhi. Imparando ad usarli non solo per le futilità di oggi.

Anche ciò che già risulta ” bello “, nasconde qualcosa di piu profondo e tutto ciò che gli occhi inquadrano fanno soffermare il nostro pensiero sulla razionalità assoluta.

  • Come è nata la collaborazione con Donatella Milani e perché proprio lei in questo brano?

Pensavamo ad un feat non banale che risvegliasse la nostra anima indie – rock sempre avuta in fondo.

Abbiamo ragionato molto sull’impatto sul pubblico e sulla carica e l’energia che il brano potesse sprigionare, chi meglio della Donatella, voce graffiante degli anni 80, avrebbe consolidato un sodalizio cosi azzeccato.

  • Di cosa parlano le vostre canzoni e che messaggio volete lanciare a chi ascolta?

I nostri brani non parlano solo di vita o di vite vissute, ma anche di quelle che potremmo vivere se solo dessero a noi comuni mortali opportunità reali e non stupide promesse da marinaio, che fanno rallentare il mondo.

A tutti diciamo che non esiste più quel mondo volto a riconoscere un talento solo in base alla mera persona e al suo operato, ma le figure odierne che governano la musica e il suo andamento sono tante ed assetate.

Investite su voi stessi se potete senza demordere, sfornando musica senza fermarvi, affidandovi a professionisti che, soprattutto hanno una visione diversa della musica.

  • Un brano indie, contaminato da rap. È frutto di una vostra voglia di sperimentare?

Questo era un nostro sogno già quando non ci conoscevamo nemmeno, eravamo consapevoli che gli ascoltatori erano assaliti dalla voglia di sentire due (improbabili, cosi qualcuno ha vociferato) , generi totalmente diversi tra loro e a volte non complementari soprattutto per la struttura. Per noi questo è naturale e molto soddisfacente.

Il RAP, è capace lo stesso concetto sia come testo, sia come andamento ritmico musicale, in modo da essere percepito da tutte le fascia d’età. Lo stesso messaggio con linguaggi diversi.

  • Nel panorama italiano, avete dei feat nel cassetto che desiderate fare e perché?

Molti sarebbero gli artisti che farebbero gola ai CAMELIA, uno di questo di questi sicuramente è il grande GUè PEQUENO.

La sua rappata intrecciata con la nostra, e a loro volta mescolate con la melodica dei CAMELIA apporterebbe nuove sonorita e perché no, innovazione pura.

Anche MAHMOUD, ACHILLE LAURO sono nel nostro mirino musicale e speriamo di farvi ascoltare qualcosa, magari con uno di essi al più presto.

  • Nel futuro ci aspetteremo un album dei camelia?

Stiamo lavorando duramente e anche se il periodo ha fatto in modo che tutto rallentasse, la tecnologia e nostra inesauribile forza di volontà e passione smisurata per la musica ha fatto sì da continuare imperterriti per il nostra missione senza mai demoralizzarci.

Non appena tutto sarà pronto, regarelemo al nostro pubblico qualcosa di veramente strepitoso e nuovo. Altra musica e altro modo di fare rap. Non ci fermiamo d’avanti a niente.



I CAMELIA sono un gruppo indie italiano nato nel 2015 da un’idea di due cantautori pugliesi: Roberto Ricci e Andrea Cannone – che, nel corso della loro attività, hanno giocato con la musica sperimentando nuovi generi, ricercando nuove sonorità che fondono colla musica elettronica.

Grazie a tale lavoro di ricerca e d’espressione artistica sempre più trasversale, i CAMELIA hanno partecipato a numerosi contest musicali vincendo diversi premi con altrettante attestazioni di merito.

Non hanno incontrato solo i favori degli addetti ai lavori, ma anche il grande pubblico del web ha premiato il loro video Ritrovarsi con circa 600 mila visualizzazioni su YouTube.

Nel corso degli anni il progetto iniziale è stato ampliato e s’è arricchito di una nuova presenza: il rapper Isaac Ricci, in arte Red Ox.

Ecco che la proposta musicale si amplia divenendo fresca e dirompente in perfetta linea con le tendenze del momento in cui i cantautori indipendenti e rapper generano un’unica cifra.

Mediante queste nuova formazione nasce la collaborazione con Donatella Milani, nota cantante che negli anni ’80 partecipò più volte a San Remo, piazzandosi, nel ’83, al secondo posto; più di recente ha partecipato al programma di Rai Uno ‘Ora o mai più’, condotto da Amadeus.

Il nuovo brano dei Camelia, “Guardami” (feat. Donatella Milani), è disponibile in digitale dal 19 febbraio e in radio dal 26 marzo 2021 sotto etichetta BIT Records.

FacebookInstagram

Show More
Back to top button
error: Content is protected !!