BandLive News

[Biografia] BANDADRIATICA: “un progetto di musica e di vita che accomuna musicisti e navigatori che decidono di imbarcarsi insieme e di cercare un nuovo linguaggio comune”

Condividi

BANDADRIATICA_01

La musica della BandAdriatica è figlia del mare. Concepita nelle notti buie di calma piatta o nei giorni di sole cocente. Sul ponte di una nave che è stata magicamente il luogo d’incontro di culture e musiche diverse. Un viaggio, una scommessa diventano un progetto di musica e di vita che accomuna musicisti e navigatori che decidono di imbarcarsi insieme e di cercare un nuovo linguaggio comune, quasi che le lingue natìe non fossero state fino a quel momento sufficienti per comprendersi fino in fondo.

L’ensemble guidato da Claudio Prima, eclettico organettista salentino, è un incontro di culture e provenienze sotto il segno del Mar Adriatico. A Maggio 2008 i musicisti si imbarcano su Idea 2, un veliero che li conduce nei porti dell’Adriatico dove la banda incontra importanti esponenti della musica tradizionale e di contaminazione etnica e con i quali compone le musiche che diventano le basi di un nuovo repertorio adriatico. Nel 2009 il progetto diventa “Rotta per Otranto” un film nel quale si racconta questa straordinaria avventura. Da Venezia a Capodistria, da Dubrovnik a Durazzo fino a Otranto, Idea 2 trasporta dei musicisti-marinai che raccontano in musica le proprie esperienze di viaggio. La banda collabora stabilmente con Boban e Marko Markovic, la Kocani Orkestar, il coro bulgaro di Eva quartet, Raiz e Radicanto. Il brano Arriva la banda è presente nella compilation Puglia sounds New in distribuzione con XL di Repubblica nel mese di Novembre 2012 e il videoclip è finalista al PIVI (Premio Italiano dei Videoclip Indipendenti) e al PVI (Premio del Videoclip Italiano) i due maggiori premi italiani dedicati ai videoclip.

FLOATING ART ORCHESTRA
Alle radici della musica adriatica

BANDADRIATICA_02

In un momento storico di grande disorientamento la musica si fa veicolo di Pace e dialogo interculturale. Una grande orchestra, composta da musicisti provenienti da tutto il Mediterraneo, si incontra il primo giorno del nuovo anno, nella 49esima Giornata Mondiale per la Pace, a Otranto, luogo simbolo della commistione delle culture del Mar Mediterraneo, dopo che la situazione politica internazionale ne aveva impedito l’esibizione a Betlemme e ad Hajfa.

La Floating Art Orchestra è un progetto speciale della BandAdriatica, formazione salentina dalla vocazione internazionale che da tempo è impegnata nell’indagine dei rapporti fra le musiche del Mediterraneo. Per l’occasione l’Orchestra ospita le straordinarie voci di Savina Yannatou (Grecia) e Saba Anglana (Etiopia), i musicisti Rony Barrak (Libano), Nure Dlovani (Armenia), Christine e Yousef Zayed (Palestina), Rachele Andrioli e l’ensemble Sule. Le coreografie sono di Stefania Mariano e Antonella Boccadamo, insieme curano una ricerca sulla gestualità tradizionale in chiave contemporanea.

L’orchestra propone un repertorio che, partendo dalla tradizione musicale salentina e adriatica, giunge fino agli estremi lembi del Mediterraneo per ritracciare il filo rosso che lega le musiche mediterranee, alla strenua ricerca delle radici comuni. Nel tempo della divisione e della confusione, nella Babilonia moderna dell’incomunicabilità e del razzismo, la Musica rende possibile la comprensione e lo scambio, praticando l’idea di appartenenza alla stessa Storia, la storia dei popoli straordinari che hanno reso grande il Mar Mediterraneo.

Line-up:

Claudio Prima Organetto e voce

Emanuele Coluccia Sax contralto

Andrea Perrone Tromba

Vincenzo Grasso Clarinetto e sax tenore

Gaetano Carrozzo Trombone

Morris Pellizzari Chitarre, saz, kamalè ngonì

Giuseppe Spedicato Basso

Ovidio Venturoso Batteria

Riferimenti

FACEBOOK ICONA-WWW

Review Overview

Show More
Back to top button
error: Content is protected !!