[Report&Photo] MELISSA LAVEAUX contamina Giovinazzo con la sua musica jazz d’avanguardia!

Condividi

“Piazza Duomo” Giovinazzo (Ba), 24 luglio 2018 – La piazza del Duomo di Giovinazzo, in occasione del Festival Metropolitano Bari in Jazz, si tinge di un colore diverso, quello della musica jazz d’avanguardia, che scardina la visione standard della piazza con cui  i passanti sono  usuali vederla, grazie all’esibizione della cantautrice canadese Mélissa Laveaux.

Classe’ 85, di origine haitiana, da sempre alla ricerca, nella sua musica, di un  recupero delle sue origini creole, non pienamente vissute in seguito  ad una situazione politica instabile nel suo paese. Il suo ultimo  album “Radyo Siwel” , infatti , non è altro che uno studio di ricerca, durato molti anni, di vecchi brani popolari, da lei attualizzati in forma folk, blues e ritmi caraibici.

La sua musica si presenta come un mix esplosivo di suoni, diversi tra loro, in grado di mettere magistralmente in risalto il significato dei suoi testi che hanno il puro scopo di raccontare le sue battaglie politiche personali, con cui si è dovuta costantemente confrontare nel corso della sua vita.

Coadiuvata da Tristan Bres, bassista, e da Martin Wangermée, ai tamburi, è  riuscita a regalare al pubblico  una rivisitazione spettacolare di brani creoli popolari, animati da una punta di hindie rock, dalla forza dell’afrobeat e ad incursioni di party dance. Il tutto conferendo un clima suggestivo di  festa, grazie alle melodia ritmica e percussionista di molti suoi brani.

Con la sua forte perseveranza e la sua forte  devozione per le battaglie politiche e istituzionali   è riuscita a contaminare anche Giovinazzo dall’ondata della musica jazz sperimentale d’avanguardia che vede, con l’andare del tempo, la creazione di ritmi nuovi, grazie all’incrocio di generi sempre più diversi tra loro.

 

ROBERTO LOBASCIO

 

 

 

Gallery completa by © Alessandro Lonoce