[Report & Photo] PETER HOOK & THE LIGHT: Un live di emozioni e nostalgia con una leggenda della storia del rock, tra sonorità post-punk e new-wave @ “Anfiteatro Mediterraneo” Bisceglie (BAT) 8 luglio 2017

Condividi

“Anfiteatro Mediterraneo” Bisceglie, 8 luglio 2017 – Il bassista e cantante inglese si è presentato sul palco con il progetto “An Evening with Peter Hook and The Light Performing the albums SUBSTANCE by Joy Division & New Order” per suonare dal vivo i due album omonimi che compaiono nella discografia dei due gruppi, entrambi marchiati a fuoco dal basso cupo, potente e oscuro di Peter Hook.

Per gli amanti del genere parliamo di due band storiche della musica rock, pop e perfino dance: Joy Division nel post punk più scuro, malinconico e tragico; New Order nella New Wave che sconfinava nella prima elettronica.

Peter Hook, storico bassista di Joy Division e New Order insieme ai suoi The Light, tra cui il figlio Jack Bates, il batterista Paul Kehoe e Andy Poole alle tastiere, oltre al chitarrista e cantante David Potts, tutti e tre provenienti dai Monaco il precedente progetto musicale di Hook.

Nonostante i contenziosi legali con gli ex colleghi, Peter Hook rimane orgoglioso di quei brani storici, tanto da dividere lo show in due parti per omaggiare la musica di entrambe le formazioni.

E’ un concerto lungo, energico e potente, durato ben 2 ore e 30, dove Hook non si risparmia, con continue incursioni a ridosso delle gradinate, quasi a far vedere da vicino il suo tocchi di basso e chitarra ai suoi fans, accorsi numerosi all’Arena Mediterranea di Bisceglie, in una cornice sul mare molto particolare e suggestiva, degna di ospitare Band ed Artisti di questo calibro, vista l’impeccabile organizzazione dell’evento, inserito nella programmazione del Luce Music Festival 2017.

Dopo oltre un’ora di repertorio dei New Order abbandona batteria elettronica, campionamenti e tastiere per dedicarsi al secondo set di brani targato Joy Division dando in pratica un revival dei sogni di una generazione, quella del punk e degli anni ’80. L’atmosfera incomincia a riscaldarsi, con il pubblico che stanco dei gradini dell’Arena, decide si scendere giù dando ulteriore carica ed energia a brani come Transmission, She’s lost control e Atmospher.

Il concerto non può che concludersi con il brano più celebre dei Joy Division, Love Will Tear Us Apart, dove Peter si mischia tra il pubblico in delirio, che lo abbraccia e lo incita, così come avveniva ai suoi tempi e quando la musica era la protagonista !!

 

 

ALESSANDRO LOONOCE

 

Gallery completa by © Alessandro Lonoce

 

 

Credits: si ringrazia l’ufficio stampa di Luce Music Festival per la gentilissima disponibilità al servizio e la perfetta organizzazione dell’evento.