[Recensione & Intervista] PAKY in “Attimi”: Un album di tre brani intensi e autobiografici

Condividi

 

RECENSIONE

Il brano “Campagnolo”, così come gli altri due brani “Parole a metà” e “Attimi distanti” sono brani autobiografici. Il primo racconta la tenerezza di un padre che alle quattro del mattino si sveglia per portare il pane a casa andando a lavorare i campi. “Parole a meta’” esprime la voglia di rivincita e rivendica la voglia di volersi affermare superando i propri limiti. E’ un invito ad accettare se stessi e superare gli ostacoli. Il brano “Attimi distanti” esprime la volontà più profonda di ogni uomo di non voler mai rinunciare a ciò che più sta a cuore e di fare della propria vita un contenitore di esperienze vissute.

Tre brani, per definire il livello artistico di PAKY sono appena sufficienti per stabilire che ha intrapreso una strada, quello del cantautorato autobiografico, alla ricerca di una propria identità artistica che sicuramente  arriverà nei prossimi lavori.

Il sound espresso è piacevole e delicato, vista anche la presenza di un violino nel primo brano.  Molto descrittivi i testi usati nei brani, ben arrangiati ed in sintonia con il sound proposto con la presenza di una chitarra elettrica che riesce a dare un taglio più pop ai brani.

Unico appunto da consigliare a Paky: la grafica utilizzata per il suo CD,  approssimativa ed improvvisata, non molto studiata ad hoc, ma come primo lavoro l’esperienza insegnerà !

ALESSANDRO LONOCE

 

Ph. by © Nicola Quaranta

 

INTERVISTA

 

Ciao PAKY e benvenuto a questo incontro con la redazione di Pugliamusic.it. Partirei  subito con una breve presentazione ai nostri lettori. Come nasce e chi è PAKY?

Paky è Pasquale Schiraldi, giovane bitontino, appassionato di musica e pieno di idee. Il mio progetto nasce spontaneamente, animato dalla voglia di raccontarmi attraverso le canzoni. L’obiettivo è uno principalmente: farmi ascoltare;
Di recente è uscito il tuo primo min-album, qual è stato il percorso per raggiungere questo traguardo e cosa rappresenta per te questo nuovo lavoro?

2) Per me questo lavoro è un inizio, un punto di partenza. I brani sono tre per scelta, ciascuno contiene in sè una verità. Nessun giro di parole; la verità della mia vita che ho voluto condividere con gli altri attaverso la musica, è celata dietro ogni singola parola dei testi. Spero che questo inizio possa essere un faro per quello che verrà in seguito;

 

 “Parole a metà” denuncia un tuo lieve difetto nella pronuncia delle parole in alcune situazioni, ma a sentirti cantare non si direbbe; a chi  è rivolta questa canzone?
Questa canzone è rivolta a chiunque l’ascolti; è rivolta a chi crede di aver il diritto di non rispettare la difficoltà mia come quella di tanti altri nel comunicare attraverso le parole e ride divertito non curandosi minimamente di quanto disagio e sofferenza possa procurare nell’animo di chi è di fronte; E’ rivolta a me stesso; grazie alla musica riesco a sconfiggere se pur temporaneamente questo difetto. Questa canzone rappresenta per me denuncia, ma allo stesso tempo accettazione del mio limite. Il limite appartiene a tutti, riconoscerlo ed accettarlo è fondamentale per essere se stessi fino in fondo.

Attimi distanti“: “momento perduto…ricordo trattiene parte di noi”; Una storia sentimentale andata o racconta qualcosa di te ?

Attimi distanti” racconta un amore diverso dal solito. E’ il ricordo vivo di chi non c’è più, la difficoltà nell’accettare quel viaggio ultimo che spesso si è costretti a sopportare. E’ una riflessione, una elaborazione profonda sul senso della vita e delle relazioni.

La partecipazione ai contest/festival, oltre alla esibizione e confronto con altri cantautori, che altri stimoli ti apporta?

E’ necessario; il confronto per me rappresenta la crescita. Pensare di essere arrivati significa essere finiti in partenza.

Confrontandoci con diverse Band del territorio pugliese, ricco di talenti affermati e nuove proposte interessanti, notiamo in una buona parte di queste una “perdita di tempo” nel cercare la massima visibilità a discapito di una produzione più “studiata” e proficua. Da che parte stai?

Oggi la visibilità è importante, direi necessaria, ma un lavoro deve essere caratterizzato da serietà; credo sia necessario tanto studio e la convinzione profonda nelle proprie idee. Ingrediente imprescindibile: l’umiltà;

Dove vuole arrivare PAKY con questo album?

Innanzitutto vorrei arrivare alle orecchie di tanta gente per comunicare il mio messaggio… poi continuare a farlo sempre meglio.

Perché  “Hydra Music”, ritrovata con altri artisti pugliesi?

Perché in linea con le mie idee e con il mio senso di libertà artistica; il ritrovare altri artisti pugliesi è piacevole e interessante sotto diversi aspetti.

Credi che il tuo livello tecnico/emotivo nello scrivere i brani abbiano raggiunto un livello di propria soddisfazione o dobbiamo attendere i prossimi lavori?

Ogni lavoro ha una sua storia e una sua importanza se nasce dal cuore. Un musicista, un artista vive nella crescita e accontentarsi sarebbe come morire.

 

Ci attendono novità importanti o una conferma del tuo mood di comporre e arrangiare?

Spero di non essere mai scontato e di poter avere la possibilità di arrivare al cuore della gente. Farò sempre ciò che sentirò.

 

ALESSANDRO LONOCE

 

*********************************

 

 

 

 

Acquista il suo album       

 

Riferimenti

  

 

  RECENSIONE Il brano “Campagnolo”, così come gli altri due brani “Parole a metà” e “Attimi distanti” sono brani autobiografici. Il primo racconta la tenerezza di un padre che alle quattro del mattino si sveglia per portare il pane a casa andando a lavorare i campi. “Parole a meta’” esprime la voglia di rivincita e rivendica la voglia di volersi affermare superando i propri limiti. E’ un invito ad accettare se stessi e superare gli ostacoli. Il brano “Attimi distanti” esprime la volontà più profonda di ogni uomo di non voler mai rinunciare a ciò che più sta a cuore e di…

Score

Voto Utenti : 3.95 ( 1 voti)