[Music Live] RANCORE  “Musica per Bambini”  il tour 2018 passa la Puglia @ “Casa delle Arti” Conversano (Ba) – 21 dicembre 2018

Condividi

presenta

RANCORE

 “MUSICA PER BAMBINI”

 ANNUNCIATE LE DATE DEL TOUR INVERNALE

 

I CONCERTI

23/11/2018 Trezzo (MI) – Live

24/11/2018 Livorno – The Cage

01/12/2018 Lugano (Svizzera) – Living Room

21/12/2018 Conversano (BA) – Casa Delle Arti

19/01/2019 Ravenna – Bronson

26/01/2019 Padova – Cs Pedro

Dopo il successo del tour estivo, che ha visto un totale di 16.000 spettatori in tutta la penisola, RANCORE torna dal vivo con un nuovo show invernale, per presentare “Musica per bambini“, il nuovo disco di inediti, uscito il 1 giugno per Hermetic / distr. Artist First.

Rompicapi, favole, mostri e musica per bambini torneranno in scena insieme alle rime di Rancore, che porterà con sé nuovi giocattoli sul palco, nuove storie, affiancandosi a strumenti nuovi e colorandosi di nuova luce. “Musica per bambini” in tour, diventa un’avventura ancora più grande, uno spettacolo tra follia e fantasia, tra confessione e protesta, che rispecchia totalmente l’immaginario del disco.

L’album, nella settimana di uscita, è entrato direttamente al 6° posto nella classifica dei dischi più venduti in Italia secondo FIMI/Gfk, permanendo in classifica per ben 8 settimane. Il disco, inoltre, ha superato i 10 milioni di streaming complessivi.

“Musica per bambini” è stato anticipato dal singolo e video “Underman”, seguito poi dal secondo estratto “Depressissimo”.

Link al video del brano “Underman”
https://youtu.be/pH5niAmC3LQ
Link al video del brano “Depressissimo”
https://youtu.be/heSDUYYwpa4

Rancore è da anni considerato uno degli artisti più interessanti del panorama del rap italiano, capace di trovare la giusta alchimia tra rime, tecnica, fantasia e significati. In questo ultimo lavoro l’artista è molto più esplicito ed assume un velo di ironia e provocazione mantenendo un alto grado di cervellotica complessità, ormai alla base del suo rap ermetico.

In questo nuovo album di inediti il rapper sembra accusare la sua fantasia di averlo portato troppo lontano in un viaggio interiore fatto di sofferenza, labirinti mentali, sogni e avventure. Una catarsi che porta l’artista a spogliarsi da alcuni sentimenti. Tra questi non manca il rancore.

In “Musica per bambini” si raccontano e si analizzano i molteplici aspetti della non comunicazione e del disagio, condizione che nasce dall’estraniarsi dalla realtà nel momento in cui non solo non si è compresi, ma non si comprendono più gli altri. Il filo rosso di questo album, inoltre, è il tema della crescita.”Musica per bambini” come ogni disco di Rancore è il viaggio di una vita, analizzata ed interpretata in più brani e da più punti di vista. Religioni e pseudo-scienze si ripercuotono come sempre nell’ “Hermetic Hip Hop”, nome che Rancore ha attribuito al suo modo di fare il rap. ogni tema è affrontato in più sfaccettature.

Nel disco sonorità cinematografiche e parole violente si alternano a brani più ”delicati” dove Rancore raggiunge probabilmente i suoi livelli di scrittura più elevati. Ogni parola incisa nel disco ed ogni scelta musicale è firmata Rancore. Compaiono nomi nuovi tra i produttori (Jano e Meiden) oltre che produttori e musicisti con cui Rancore ha collaborato in passato (Dj Aladyn, Giancane e Fisa del Muro Del Canto, 3D e Skioffi, Marco Zangirolami).

L’ultima frase del disco è: “Non capisco mezza parola di ciò che dici”. Il senso è che Rancore si sente alieno rispetto al mondo e vorrebbe comunicare ma è esattamente come se parlasse un’altra lingua, dunque non riesce, come se fosse risucchiato dal suo stesso ermetismo.

Ogni barra viaggia sul filo del rasoio, sembra fatta apposta per essere ascoltata non solo una volta, ma infinite volte. Rancore non ha paura e come sempre i suoi dischi aprono il campo a molte domande. Come, per esempio, perché il titolo “Musica per bambini”? E’ solo il momento particolare che sta vivendo? Oppure questo momento si è trasformato in una provocazione fatta di musica?

RANCORE PARLA DEL DISCO “MUSICA PER BAMBINI”

 ”Ho deciso di essere sincero come un bambino ed ho usato la musica come psicoterapia e le rime come anti-depressivo. Il progetto ‘Musica per bambini’ è un semplice urlo. Solo questo è uscito da queste pagine.

Un urlo fatto senza pretese come quando smetti di pensare che qualcuno può sentirti. Un urlo difficile da capire, come quello di un neonato dentro la culla. Ho sognato molte volte di dormire in un lettino per bambini dove era impossibile per me entrare, la testa era piegata in modo ambiguo, le mie gambe corte erano comunque troppo lunghe. Purtroppo nessun regolatore dell’umore ha regolato questo Rancore.

Questo disco è un controsenso, un tocco di lucidità nella follia, un bambino che quando scopre il mondo reale vede qualcosa di incomprensibile. Per una volta posso dire di aver esagerato davvero.”